Passa ai contenuti principali

In primo piano

Insalata in Vasetto per l'#InsalataDay

'Niente è più difficile della Libertà:
la libertà di durare fatica,
la libertà di non vivere morti'
Oriana Fallaci

Vi sarete chiesti che fine avessi fatto, sinceramente me lo sono chiesta anch'io: 'Che fine hai fatto Simo?'
Direi una banalità se tirassi in ballo la scusa degli impegni di lavoro (che ci sono e sono tanti).
Dopo tanti anni di posts, ricette, foto e articoli scritti per altri portali, è arrivato anche per me il momento in cui ti siedi e ti chiedi quale sia la direzione da prendere: ho vagliato proposte di libri da scrivere, di programmi tv in cui presenziare, di giurie di concorsi ed eventi a cui partecipare... niente da fare. Non era lì che volevo andare.
Ho preso questo periodo sabbatico come un momento di riflessione e di esperimenti in cucina, ho fatto prove e deciso che non mangerò mai insetti ed alghe strane, che i dolci mi piacciono e che se è vero che fanno male, ne mangerò di meno, ma li mangerò e che l'essere 'talebani' in cucina mi…

Vellutata di Fagioli Great Northern


I legumi sono da sempre considerati 'la carne dei poveri', per il loro apporto proteico, adattissimo ad esempio alle diete vegetariane che necessitano di un sostituto delle proteine animali.
I valori nutrizionali medi, infatti riportano che i fagioli, ad esempio, contengono proteine, carboidrati e ferro ed alcuni piatti contenenti legumi e pasta, sono un piatto unico equilibrato.
La vellutata che vi racconto oggi, l'ho fatta usando una qualità di fagioli provenienti da agricolture bio Made in USA, che si chiama Fagioli Great Northern, confezionati e distribuiti da Melandri Gaudenzio. L'aspetto è simile ad un fagiolo cannellino, ma più piccolo e schiacciato, io li ho tenuti immersi in acqua tutta la notte e la cottura è stata veloce, senza aggiunta di bicarbonato o altro, solo uno spicchio di aglio, salvia fresca ed un rametto di rosmarino.
Lessati in abbondante acqua, ho lasciato un po' di acqua di cottura da aggiungere successivamente ed ho frullato il tutto con il mixer, aggiustando solo con sale ed un cucchiaio di olio a crudo. A me piace servire queste vellutate tiepide e abbastanza dense, però si possono allungare con l'acqua di cottura ed avere una consistenza più liscia.
Il tutto richiede un'ora, alla quale aggiungere l'ammollo di una notte.
E' adatta ad esser abbinata a piatti di pesce o semplici bruschette di pane casereccio arrostito! :-)


Post più popolari