In primo piano

Caseifici Aperti 2018 a Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Mantova


Credits: Infraordinario

Avete mai sentito parlare di ‘Caseifici Aperti’? E’ l’evento pensato per tutti coloro che vogliono conoscere, degustare e informarsi di più su cos’è e come si produce uno dei simboli del nostro Paese: il Parmigiano Reggiano. L'evento si terrà Sabato 29 e Domenica 30 Settembre e qui nel post trovi tutte le informazioni!


Quando ero piccola storcevo sempre il naso quando mi veniva proposto di assaggiare qualcosa di nuovo, annusavo, guardavo e solo se la cosa mi ispirava decidevo di metterla in bocca.
Ricordo i momenti prima del pranzo della Domenica nella grande cucina della nonna, dove lei si muoveva veloce tra tavolo e fornelli e ogni tanto ci provava a farmi assaggiare qualcosa. Le ‘midolline’ di Parmigiano Reggiano credo siano state una sua invenzione: piccole porzioni di Parmigiano Reggiano, spezzate a scaglie piccole piccole ed appoggiate lì su un tagliere come se fossero lì per caso. Forse per la somiglianza con qualche scena di un cartone della Walt Disney, provai curiosità e decisi che quel formaggio sarebbe stato ‘il’ formaggio! Nella cucina della nonna e in quella della mamma, il Parmigiano Reggiano non mancava mai e l’usanza è mantenuta anche in casa mia, tanto che nel blog trovate una sezione con varie ricette che lo vedono come ingrediente principe (e QUI trovate tutte le ricette in questione!)
Questa breve parentesi introduttiva tanto per farvi capire che sono ben felice di potervi parlare di ‘Caseifici Aperti’, questo bell’evento organizzato dal Consorzio del Parmigiano Reggiano durante la giornata di Sabato 29 e Domenica 30 Settembre.
Oltre 50 produttori ospiteranno famiglie e curiosi, appassionati foodies e neofiti, presso i loro caseifici, per spiegare e mostrare i luoghi di produzione del Parmigiano Reggiano.
Qui nel post vi riporto tutte le informazioni necessarie per prendere parte all’evento, dove e come, links vari, qualche cenno storico sul Parmigiano Reggiano che io considero un vero simbolo della nostra identità sociale e qualche informazione nutrizionale per i più attenti alla dieta.
Come dicevo sopra, i produttori saranno a vostra disposizione per mostrarvi come si produce il Parmigiano Reggiano, vi faranno visitare i magazzini per la stagionatura e potrete anche degustare ed acquistare in loco il prodotto.



Come si fa a partecipare a Caseifici Aperti?
Semplicissimo. Qui di seguito trovate il link al sito ufficiale del Consorzio del Parmigiano Reggiano dove è pubblicata tutta la lista dei caseifici aderenti all’iniziativa, che sono sparsi tra le 5 province che costituiscono l’area di produzione della DOP e che sono Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Mantova.



Nella sezione specifica troverete anche tutta la lista dei caseifici aderenti all’iniziativa con gli orari di apertura e l’elenco delle varie attività proposte. Ci sono ad esempio attività varie adatte anche alle famiglie con bambini, degustazioni guidate, lo show di apertrura di una forma di Parmigiano e la possibilità di pranzare in alcuni caseifici con menù tradizionali a base di prodotti tipici. 
Inoltre per chi volesse approfittare e trascorrere il week end in zona, troverete tutte le informazioni per poter organizzare il vostro soggiorno e l'indicazione di cosa fare e cosa visitare nei dintorni del caseificio.
La pagina ufficiale dell'evento è questa: Caseifici Aperti



C’era una volta… (qualche cenno storico)
Non sapevo che la ricetta originale risalisse addirittura al XII secolo, quando i monaci benedettini e cistercensi la misero a punto usando solo tre ingredienti: latte crudo, caglio e sale.
Mi piace immaginare questi monaci del Medioevo alle prese con la produzione, chissà se avranno mai immaginato di produrre qualcosa che sarebbe resistito al tempo, alle mode e a tutti gli eventi storici che si sono susseguiti. Grazie alla dimensione grande delle forme e alla stagionatura, questo formaggio poteva mantenersi a lungo ed essere quindi trasportato lontano dalla zona di produzione. C’è un antico documento del 1254 che attesta proprio tutto ciò: un documento rintracciato a Genova che testimonia la commercializzazione in una zona distante dalla produzione, che era avvenuta nella zona del parmense.

‘Ma Mamma, di cosa è fatto il Parmigiano Reggiano?’ (informazioni nutrizionali e curiosità varie)
Il Parmigiano Reggiano è composto dal 30% di acqua ed il restante 70% da sostanze nutritive come le proteine, le vitamine ed i Sali minerali. Una volta parlando con una nutrizionista, mi fu spiegato che 70 gr di Parmigiano Reggiano hanno un apporto proteico pari a quello di un filetto di manzo.
Risulta perciò adatto ad esser consumato per pranzo o cena, anche nei casi di pranzi veloci in ufficio o pic nic con i bambini. E’ facilmente digeribile perché del tutto genuino e naturale, non contiene additivi chimici o conservanti. E’ adatto alla dieta dei bambini e degli anziani e per tutti coloro che hanno bisogno di un buon apporto energetico, inclusi gli sportivi.
E’ inoltre, privo di lattosio, perché i batteri lattici già dopo 48 ore, hanno trasformato il lattosio in acido lattico.
Approfittate di queste due giornate di Caseifici Aperti, perchè potrete visitare i luoghi e toccare con mano la genuinità ed autenticità di questo prodotto, nelle sue varie gradazioni delle diverse stagionature e fare anche un salto nel tempo con la mostra sugli attrezzi storici.
Per tutte le info vi segnalo infine i canali social ufficiali del consorzio, potrete anche seguire l'evento attraverso i social, seguendo l'hashtag #CaseificiAperti, su Instagram lo trovate QUI (@parmigianoreggiano), su Facebook la Fanpage è QUESTA e su Twitter l'account ufficiale è QUESTO (@theonlyparmesan).

Post più popolari

Follow by Email