14.9.11

Castagnaccio - Chestnut cake

(ENGLISH VERSION'S FORWARD)

Un dolce poco 'dolce', adatto anche a chi non è goloso, ma ama il sapore dolce-amaro delle castagne. Son partita in anticipo con una ricetta che è più adatta al mese di Ottobre, ma se continuate a leggere il post capirete perchè!
Tipico della tradizione culinaria toscana, il castagnaccio prevede un'infinità di varianti, ogni famiglia ha qualche accortezza diversa e se la tramanda di madre in figlia (o di nonna in figlia, come nel mio caso, perchè la mia mamma è allergica alle castagne!)

Castagnaccio - Chestnut cake
La presente ricetta è ripresa dal libro del Petroni 'La vera cucina fiorentina', rivisitata da alcune accortezze date da mia nonna.

Ecco i semplici ingredienti:

  • farina di castagne 400 gr,
  • uvetta 100 gr, 
  • pinoli 50 gr, 
  • 2 cucchiai di zucchero, 
  • una presa di sale, 
  • olio di oliva, 
  • acqua (circa 1/2 litro) 
  • del rosmarino (facoltativo) 
  • noci 50 gr (facoltativo)


Usare una grande ciotola e versarci la farina di castagne, la presa di sale, i pinoli e l'uvetta, lo zucchero e una C di olio d'oliva. Versare via via l'acqua, fino ad ottenere un impasto liscio, senza grumi e non troppo denso.
Ungere un teglione da forno o una tortiera, versarvi il composto ed infornare a 200°C per circa 30 minuti, finchè non avrà una crosticina che si spacca.
A me personalmente il castagnaccio piace morbido dentro e con la crosticina croccante e lo servo con un ricciolo di panna montata come nella foto!



Con questa ricetta partecipo alla consueta raccolta WeekEndHerbalBlogging #301, ospitata questa settimana da Graziana di Erbe in Cucina



La raccolta WeekendHerbalBloging viene organizzata per l'edizione italiana da Brii del blog Briggis recept och ideer, e per l'edizione internazionale da Haalo , mentre Kalyn ne è stata la fondatrice.

Per chi invece avesse voglia di cucinare 'toscano', date un'occhiata ad uno dei testi più affidabili in materia: 'La vera cucina fiorentina' Petroni


ENGLISH VERSION
This is one of the most popular cakes from Tuscany culture!
Very easy and quick!

Ingredientes you need :

  • chestnut floar 400 gr, 
  • zibibbo (which is dried grape) 100 gr, 
  • pinoli (pinenuts) 50gr, 
  • 1/2 liter water,
  • walnut 50 gr, 
  • rosmarine, 
  • 2 tablespoons of sugar, 
  • a pinch of salt,
  • a bit of olive oil

Drop the chestnut floar into a big pot, drop the sugar, a pinch of salt, half a liter of cold water and mix all together very well.
Then add 2 tablespoons of olive oil and zibibbo, melt everything and drop the mixture into a greased oven mould.
The high of mixture into mould should be around 1-2 cm as max.
Drop the walnut, pinoli and rosmarine and a bit of olive oil (just a 'C'! = 2 coffee spoons) and put into the oven at 200° C for 30 minutes.
The cake looks dark brown and crispy and it generally chaps on the surface!

13 commenti:

  1. che voglia di castagnaccio, non lo preparo da anni! Grazie per aver partecipato a WHB.

    Graziana
    http://www.erbeincucina.it

    RispondiElimina
  2. Buonoooooo il castagnacciooo!!!! Oramai è arrivato il suo momento! Brava SIMOOOOO!!!!!!!

    RispondiElimina
  3. interessante la tua ricetta,grazie di essere passata da me!

    RispondiElimina
  4. Anche io adoro il castagnaccio... ma voglio il gelato!
    Forse di castagna... ma il gelatoooo!
    Dann/www.cucinaamoremio.com
    P.S. Qui a Roma fa un caldo tremendo. Tu dove sei?
    Vado a vedere.
    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Grazie Kiara e grazie anche a nevedimarzo!

    Dann, io vivo a Prato, in Toscana, qui il termometro segna 33°, roba da piena estate!
    La ricetta del gelato alle castagne sarebbe da provare che dici, si inventa?! :-)

    RispondiElimina
  6. Simona, ti sono venuta a trovare, comnplimenti per il tuo blog, mi piace tantissimo e inoltre le ricette scritte anche in inglese mi aiutano come esercizio. Anche io sono un'appassionata di castagnaccio e lo preparavo sempre anche quando stavo a Roma, con la prima farina di castagne che arrivava! Ti seguirò volentieri! Eleonora

    RispondiElimina
  7. Grazie! Ti aspetto allora! :-)

    RispondiElimina
  8. mi vergogno un po' perchè non ho mai mangiato il castagnaccio in vita mia... appena riesco lo preparo con la tua ricetta e ti dirò se mi piace... ma dalla faccia della tua fetta, direi proprio di sì.
    A.

    RispondiElimina
  9. il castagnaccio l'ho assaggiato in vacanza dalle parti di Lucca e non so ci sono tante differenze ma il tuo è davvero molto invitante. A presto, Ancutza

    RispondiElimina
  10. Grazie fragoliva! Se ti piacciono i sapori leggermente amarognoli ed i dolci poco dolci, allora il castagnaccio fa per te! Lo puoi abbinare con il gelato, la panna montata o la ricotta, si sposa bene con varie altre cose ed in più è buono caldo, tiepido e freddo! Fammi sapere! :-)

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Ancutza! La ricetta base è molto seplice come avrai notato, credo che più o meno le versioni si somiglino tutte! prova questa e fammi sapere! :-) Simona

    RispondiElimina
  12. Il castagnaccio e' sulla mia to-do list da un po' e la tua ricetta e' un gentle reminder. Grazie!

    RispondiElimina
  13. Mamma che buono il castagnaccio. Tra poco comincio anche io a prepararlo per il mio maritino goloso. Il problema è che qui piace solo a lui e a ... me!!
    Mi piace molto il tuo blog, passa a trovarmi mi farà piacerissimo :D
    A presto

    RispondiElimina

I tuoi commenti, le tue impressioni ed i tuoi suggerimenti, son sempre ben accetti e ci danno l'occasione per scambiare due chiacchere! :-) Simo!