Passa ai contenuti principali

In primo piano

Cheesecake al Lampone (senza forno e senza uova) - Raspberry Cheesecake (no oven and eggfree) - Cheesecake aux Framboises (sans four et sans oeufs)

(ENGLISH VERSION'S FORWARD)
La recette en Français est vers le bas

'Le estati volano sempre... gli inverni camminano!' 
Charlie Brown

Nel blog trovate diverse ricette per fare il cheesecake ed ogni volta varia qualcosa.
C'è anche una ricetta del Cheesecake senza Forno!, che però prevede l'uso degli albumi crudi.
Stavolta invece, vi propongo un cheesecake sempre senza cottura, ma con una guarnizione alla frutta e da fare senza uovo. Infine, tanto per dare un'opportunità a chi spesso mi chiede ricette per pochi commensali, ecco una ricetta 'proporzionata' in versione da tete-à-tete (due porzioni).


Ingredienti per un cheesecake da due porzioni:

per la base di biscotto:
30 gr biscotti integrali (io ho usato dei biscotti all'avena)10 gr burro fuso1 cucchiaino di zucchero per la parte bianca:
150 gr formaggio quark o altro formaggio cremoso (a volte ho usato il mascarpone ed è venuto buono)2 cucchiani di zuccherobuccia grattugiata di un limone piccolo (biolog…

Comfort food: gli alimenti del buonumore #PsicheInCucina



Cibo e umore sono due ambiti che viaggiano su strade parallele da sempre. L’atto della nutrizione non si limita infatti a soddisfare dei bisogni fisici e di sopravvivenza, ma ha anche una valenza emozionale fondamentale, come dimostra l’esistenza di alcuni alimenti che possono stimolare il buonumore.
Quando parliamo di comfort food chiamiamo in causa un aspetto tanto importante quanto affascinante. Ma quali sono questi alimenti portentosi che possono cambiare in meglio l’umore? Tra i più celebri possiamo ricordare il cioccolato che, come ben si sa, stimola la produzione di serotonina, un ormone che può fare la differenza quando si tratta di contrastare cali di umore legati anche a situazioni biologiche come la sindrome premestruale.
Il comfort food non si limita però ai cibi che migliorano la produzione di ormoni come la serotonina o le endorfine, considerate dei veri e propri oppioidi del cervello. Quando si discute di comfort food si deve necessariamente considerare anche quei cibi che, al di là delle caratteristiche biochimiche e solo con il loro sapore od odore, sono in grado di richiamare alla mente di chi li consuma dei ricordi particolarmente piacevoli.


In questo caso si entra in un ambito in cui un singolo stimolo sensoriale può essere in grado di cambiare radicalmente la giornata di una persona, agendo su quei residui non sempre consci a cui sono legati ricordi spesso d’infanzia o connessi a rapporti che hanno in qualche modo avuto un ruolo determinante nella crescita (un classico a questo proposito è la torta di mele della nonna, uno dei più celebri esempi di comfort food).
Un altro aspetto essenziale da considerare quando si discute di comfort food è la moderazione. Molti degli alimenti che hanno un’influenza positiva sul buonumore possono infatti compromettere la forma fisica se consumati in quantità eccessive. In questi casi è davvero la moderazione l’unica soluzione per evitare problemi oltre che per apprezzare meglio gli effetti del comfort food (la privazione può in certi casi aumentare il desiderio di un cibo e rendere più soddisfacente il momento in cui lo si mangia).

Limitarsi a vedere il cibo come una soluzione essenziale per sopravvivere significa ridurre al minimo la valenza culturale della cucina. Il comfort food è un valido esempio al proposito, a patto che sia approcciato mettendo in primo piano l’equilibrio, il segreto principale per gustare al meglio gli alimenti che, per via della loro composizione e per il rapporto con la storia di chi li mangia, possono cambiare in meglio l’umore di una persona.

Dott.ssa Miolì Chiung
Responsabile Studio di Psicologia Salem

Post più popolari

Follow by Email