Passa ai contenuti principali

In primo piano

Insalata in Vasetto per l'#InsalataDay

'Niente è più difficile della Libertà:
la libertà di durare fatica,
la libertà di non vivere morti'
Oriana Fallaci

Vi sarete chiesti che fine avessi fatto, sinceramente me lo sono chiesta anch'io: 'Che fine hai fatto Simo?'
Direi una banalità se tirassi in ballo la scusa degli impegni di lavoro (che ci sono e sono tanti).
Dopo tanti anni di posts, ricette, foto e articoli scritti per altri portali, è arrivato anche per me il momento in cui ti siedi e ti chiedi quale sia la direzione da prendere: ho vagliato proposte di libri da scrivere, di programmi tv in cui presenziare, di giurie di concorsi ed eventi a cui partecipare... niente da fare. Non era lì che volevo andare.
Ho preso questo periodo sabbatico come un momento di riflessione e di esperimenti in cucina, ho fatto prove e deciso che non mangerò mai insetti ed alghe strane, che i dolci mi piacciono e che se è vero che fanno male, ne mangerò di meno, ma li mangerò e che l'essere 'talebani' in cucina mi…

Rotolo di Tacchino arrosto con Lardo di Colonnata

A me piace molto cucinare con il forno, per cui aspetto volentieri il freddo autunnale, per aver la possibilità di cuocere arrosti e torte!
Quello che vi propongo oggi è un arrosto veramente facile, di sicuro successo con i vostri commensali!


Servono 500 gr di fesa di tacchino tagliata a libro, circa 100 gr di prosciutto cotto, 4 fette di formaggio Fontina affettato sottile, 3 fettine di lardo di Colonnata (in alternativa, va bene anche rigatino), mezzo bicchiere di vino bianco secco, olio d'oliva, pepe e sale.

Lavare ed asciugare il tacchino, adagiarlo su un tagliere e cospargere leggermente con sale e pepe, coprire con le fette di prosciutto cotto e la Fontina ed arrotolare.
Prima di chiuderlo con lo spago da cucina, rivestire il rotolo con le fette di lardo e poi procedere con lo spago, per tenere fermo e chiuso il rotolo.
Riscaldare il forno a 200°C, sistemare il tacchino in una pirofila con 3 cucchiai d'olio, quindi infornare e controllare che via via, il lardo si cuocia e crei una crosticina dorata senza bruciare, quindi girare il rotolo su ogni lato, in modo che sia tutto uniforme.
Sfumare il vino bianco, quindi lasciar finire la cottura.
Il lardo dio Colonnata, oltre all'aroma tipico e speziato, ammorbidisce molto le carni su cui vien cotto, quindi noterete come questo arrosto diventa tenereo dopo la cottura!
La cottura varia a seconda delle dimensioni del pezzo di carne, ma in genere con 30-40 minuti al massimo è pronto. Sfornare ed attendere qualche minuto prima di affettare. Io lo servo con un paio di contorni, come nella foto: zucchine e spinaci al burro.


Post più popolari

Follow by Email