Pagnotta di Kamut con Vito, il mio Lie-Vito Madre!



C'era una volta un povero Lievito Madre, che dopo 70 lunghi anni, ha avuto la sfortuna di capitare nelle mie mani!
Infatti, per chi ancora non lo sapesse, da circa 15 giorni, Vito (così è stato ribattezzato il poveretto!) è entrato a far parte della nostra famiglia!
Tatiana, colei che me l'ha regalato, mi ha spiegato come accudirlo ed io, ormai catturata dalla 'rete della Pasta Madre', ho provveduto a 'rinfrescarlo con farina bio, e sistemarlo in una culla tutta nuova!


Ho coinvolto nella cosa anche mia figlia Ludo, la quale ha subito voluto un disegno per capire cosa sia un lievito ed io, non essendo nè biologa, nè chimica, nè un'esperta di speigazioni di questo tipo, l'ho rappresentato così, come un esserino tutto tondo e gonfio, allegro e pimpante, il ciuffo è stata un'aggiunta della Ludo, i bambini si sa, hanno molta immaginazione!
Qui di seguito vi racconto il nostro I esperimento, una pagnotta di Kamut:



Per chi si stesse chiedendo che cappero sia quel bozzoletto in alto, la risposta è: 'il ciuffo' ed a realizzarlo è stata giustamente la Ludo!
100 gr di lievito, 300 gr di farina, circa 150 gr di acqua. La farina l'ho suddivisa così: 100 gr di manitoba ed il resto farina di Kamut.
Lavorare bene l'impasto e far riposare in luogo tiepido per tutto il tempo necessario a far raddoppiare di volume.
A me sono servite quasi 7 ore. Scaldare il forno a 200°C, e riscaldare direttamente il teglione su cui si cuocerà.
Quando il forno raggiunge la temperatura, sistemare velocemente sul teglione un foglio di cartaforno, adagiarvi la pagnotta ed infornare.
Controllare la cottura, far cuopcere circa 30-40 minuti, girando anche sul lato di sotto.

Da questo momento sono aperte anche le scommesse: riuscirà il povero Vito a sopravvivere alle mie 'amorevoli cure'??? :-)


Disqus for Simona'sKitchen

comments powered by Disqus

Post più popolari