Passa ai contenuti principali

In primo piano

Insalata in Vasetto per l'#InsalataDay

'Niente è più difficile della Libertà:
la libertà di durare fatica,
la libertà di non vivere morti'
Oriana Fallaci

Vi sarete chiesti che fine avessi fatto, sinceramente me lo sono chiesta anch'io: 'Che fine hai fatto Simo?'
Direi una banalità se tirassi in ballo la scusa degli impegni di lavoro (che ci sono e sono tanti).
Dopo tanti anni di posts, ricette, foto e articoli scritti per altri portali, è arrivato anche per me il momento in cui ti siedi e ti chiedi quale sia la direzione da prendere: ho vagliato proposte di libri da scrivere, di programmi tv in cui presenziare, di giurie di concorsi ed eventi a cui partecipare... niente da fare. Non era lì che volevo andare.
Ho preso questo periodo sabbatico come un momento di riflessione e di esperimenti in cucina, ho fatto prove e deciso che non mangerò mai insetti ed alghe strane, che i dolci mi piacciono e che se è vero che fanno male, ne mangerò di meno, ma li mangerò e che l'essere 'talebani' in cucina mi…

Pasta integrale in Rosè ai Capperi


La pasta a me piace al dente, il chè significa 'al dente' e non cotta male! Per la cottura al dente serve una pasta compatta, che non si ammolli troppo esternamente e diventi morbida in maniera omogenea, che sia porosa ed un po' ruvida ma che non rimanga scotta dentro e molliccia fuori.
Quindi direi che sono facilmente incontentabile in fatto di pasta e come avrete notato, le paste che scelgo sono quasi sempre paste artigianali.
L'esperimento che vi propongo oggi, è una pasta, in semola integrale di grano duro, coltivato in Italia da agricoltura biologica e lavorata ed essiccata con metodo delicato. A differenza delle altre volte in cui parlavo di pastifici toscani, stavolta vi prendo per mano e vi porto in Puglia, più precisamente in provincia di Lecce, in un'azienda che ha un'esperienza di oltre 100 anni!
Mentre fate bollire l'acqua e cuocete la pasta, prendete una padella e scaldate un paio di cucchiai d'olio d'oliva, poi versate 4-5 cucchiai di panna liquida ed un cucchiaio di concentrato di pomodoro e emulsionate con qualche cucchiaio di acqua di cottura, se notate che la crema si asciuga troppo.
Quando la pasta risulta al dente, scolatela e saltatela in padella per un minuto non di più, perchè tende ad assorbire molto l'umidità e diventerebbe appiccicosa, seguite le istruzioni che ci sono sulla confezione.
Lavate una manciata di capperi sottosale e tritateli grossolanamente ed uniteli alla pasta.
Scommetto che dopo aver provato questa pasta e questa ricetta facile e veloce, non acquisterete più pasta surgelata... :-)

Post più popolari